Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito accetti di utilizzare i cookie.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

PRIVACY

INFORMATICA PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI ai sensi dell’articolo 13 del D.Lgs. 30 giugno 2003, n.196

PREMESSA
La presente pagina ha come obiettivo, quello di informare l’utente del trattamento dei dati personali e alle relative garanzie riconosciute dalla legge ai sensi dell’ dell’articolo 13 del D.Lgs. 30 giugno 2003, n.196.

NATURA DEI DATI
Il sito istituzionale del Comune di Roccagorga richiede solo l’indirizzo email per poter usufruire dei servizi di newsletter e di contatti diretti con l’Amministrazione. Nessun’altra tipologia di dato sensibile è richiesto direttamente dal Comune di Roccagorga.

TRATTAMENTO DEI DATI FORNITI VOLONTARIAMENTE
Gli indirizzi email forniti direttamente dagli utenti verranno utilizzati esclusivamente per gli obiettivi preposti alla loro comunicazione:

- Recapito per risposte a comunicazioni precedentemente inviate

- Recapito di lista di newsletter per comunicazioni da parte del sito istituzionale del Comune

Gli indirizzi di posta elettronica forniti non verranno utilizzati per scopi diversi da quelli descritti e non verranno forniti a terzi.

TRATTAMENTO DEI DATI FORNITI PER MEZZO DI POSTA ELETTRONICA
Eventuali dati sensibili forniti attraverso la comunicazione digitale tra l’Utente ed il Comune di Roccagorga verranno trattati nel rispetto delle normative vigenti ed utilizzati esclusivamente per gli scopi attinenti alla loro fornitura. I dati di cui sopra, non verranno, in nessun modo utilizzati per scopi diversi da quelli descritti.

LUOGO E MODALITA’ DI TRATTAMENTO
I dati acquisiti sono trattati all’interno della Casa Municipale del Comune di Roccagorga da personale incaricato del trattamento degli stessi.

TITOLARE E RESPONSABILE DEL TRATTAMENTO
Il titolare del trattamento dei dati personali effettuato attraverso il sito istituzionale è il Comune di Roccagorga.

RESPONSABILITA' SUL TRATTAMENTO DA PARTE DI SITI COLLEGATI
Il Comune di Roccagorga non è responsabile della politica del trattamento dei dati personali adottato dai siti ai quali esso è collegato.

COOKIE
Nessun dato personale degli utenti viene in proposito acquisito dal sito.
Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né vengono utilizzati c.d. cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti.
L'uso di c.d. cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e svaniscono con la chiusura del browser) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito.
I c.d. cookies di sessione utilizzati in questo sito evitano il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.

DIRITTI DELL’UTENTE

Gli utenti in qualità di interessati del trattamento (soggetti a cui si riferiscono i dati), possono esercitare in qualsiasi momento, rivolgendosi al Titolare, i diritti elencati nell’art. 7 del D. Lgs. 196/2003 di seguito riportato:

Art. 7 D. Lgs. 30 giugno 2003, n. 196

  1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.
  2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione:
    a) dell'origine dei dati personali;
    b) delle finalità e modalità del trattamento;
    c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
    d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
    e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.
  3. L'interessato ha diritto di ottenere: 
    a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; 
    b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non e' necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
    c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.
  4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
    a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;
    b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

UFFICIO URBANISTICA

Ubicazione
Via XXVIII Maggio, 2 - Primo Piano

Orario
Dal Lunedì al Sabato dalle 8 alle 14
Martedì e Giovedì dalle 15 alle 18

Contatti
0773/960830
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Responsabile
Arch. Francesco Palombi - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
CURRICULUM VITAE

DICHIARAZIONE DI NON INCOMPATIBILITA' DI CARICA

Istruttore Direttivo
Geom. Venanzio Basilico - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

URBANISTICA AGGIORNATA - PIAZZE VIE E QUARTIERI

VIE

A

dell’Artigianato

E' situata presso l'omonima zona in località Prati dove sorgono diversi poli artigianali.

B

Antonio Basilico

Antonio Basilico è nato a Roccagorga il 7.6.1879 da Giuseppe e Cammillacci Francesca ed è morto  a Roccagorga il 19.01.1943.

Di origine contadina con uno spiccato senso della giustizia, fu il protagonista insieme a Dante Mucci dei fatti del 6 Gennaio 1913. Presidente della “Società Agricola Savoia” guidò sapientemente e con coraggio la rivolta dei cittadini di Roccagorga contro l’allora Amministrazione comunale e la borghesia feudataria che aveva trascinato il popolo in una situazione tragica dal punto di vista economico e sanitario.

Il ruolo svolto durante i fatti del 6 Gennaio 1913, lo proiettò all’attenzione di tutti i contadini dell’Agro Pontino che con determinazione lo proposero a candidato al Parlamento nel collegio di Ceccano nelle elezioni del 7 marzo 1914.

Sottoscrizioni per la sua candidatura provennero da tante località del Lazio – Segni, Vallecorsa, Sonnino, Castro dei Volsci, Campo Soriano, Terracina e anche dagli emigrati d’America.

La sua candidatura, sostenuta dalle leghe apolitiche della “Difesa” , venne però contrastata fortemente, con illecite pressioni alla sua persona e ai suoi familiari, dai socialisti rivoluzionari, per avvantaggiare la candidatura di un certo Colasanti, personaggio pressoché sconosciuto.

Il Basilico fu costretto così a ritirare la propria candidatura per salvaguardare la difesa da parte degli avvocati nei confronti degli imputati implicati nei fatti dell’eccidio del 1913.

E così tra le accuse e gli osanna, fra le scomuniche e le esaltazioni, fra gli attacchi e i contrattacchi, Basilico – il candidato dei contadini – che rappresentava una grande idea, una bandiera, una bandiera sfolgorante di speranza e pace, fu costretto a ritirare la propria candidatura.

L’allora professore Ugo Nalato, mandato dalla “Difesa” da Roma a incontrare e sostenere il Basilico oltre a tranquillizzare i propri familiari scrisse: “questa passeggiata di notte, per la montagna tranquilla mi ha unito al Basilico per sempre. Lo si diceva pusillanime e vile, corto d’intelligenza, in una parola un povero contadino ed io scoprivo in lui dai discorsi che andava facendomi sulla sua famiglia, sul suo rispetto ed attaccamento al padre, sulla tragica giornata dell’eccidio, sulla fuga sui monti con i compagni, sulle miserie dei contadini in generale, un grande e mobilissimo cuore, un’anima semplice e generosa. Il bene che egli potrà fare ai suoi compagni sarà immenso, perché farà con amore e lealtà sempre il suo dovere”

Enrico Berlinguer

Politico Italiano 1922-1984

Ercolano Bernabei

Ercolano Bernabei è nato a Roccagorga il 21.10.1922, una settimana dopo, 1l 28 ottobre, ci fu la marcia su Roma. Coincidenza o destino? Difficile rispondere. Certo è che Ercolano, nato sotto il littorio, visse nel culto del littorio.

Giovane fascista entusiasta si arruolò volontario nei “Battaglioni Giovani Fascisti” e combatté tre anni in Africa. Dopo la battaglia di Bir El Gobi, così come risulta da una lettera del 20.12.2008 di Farre Antonio, suo compagno d’armi , fu autore di un gesto che gli fa onore: “nonostante il parere contrario del comandante, prese sulle spalle per tre o quattro chilometri il compagno ferito per impedire che cadesse prigioniero degli inglesi o morisse nel deserto.” Arresosi il 13 maggio 1943, fu internato in un campo di concentramento in Egitto da cui cercò di evadere più volte senza riuscirci. Liberato dal campo di prigionia il 16 luglio tornò in Italia.

Una vita certo non diversa da quella di tanti giovani della sua età che partiti entusiasti, tornarono amareggiati e delusi.

Questa esperienza di vita lo segnò profondamente. Non fu mai in grado di dimenticare quanto appreso e per onestà e coerenza continuò ad essere “fascista” quanto era difficile esserlo, in special modo in un piccolo paese di lunga tradizione social-comunista.

Non che non comprendesse le contraddizioni e i fallimenti del regime, soltanto non reputava il mondo nuovo tanto migliore del precedente. A chi gli faceva scherzosamente notare che almeno per la libertà, quest’ultimo era preferibile, rispondeva che  avendo impiegato venti anni ad apprendere poche cose in cui credeva, gli si dovessero concedere almeno altri venti per abbandonarle ed apprenderne di nuove.

Non le apprese mai e continuò ad essere fascista ed a chiamarsi tale anche quando forse lo era più per come ragionava ed agiva. Ercolano Bernabei fu infatti fascista sui generis che realizzò la “svoltadi Fiuggi” molti anni prima del partito cui apparteneva.

Buono e generoso, consapevole della necessità del dialogo, rispettato per la fedeltà ad idee che implicavano un costo razionale e sociale, otteneva la stima e l’affetto dei suoi avversari politici quando venivano messe da parte le ideologie.

Con la sua vita egli dimostrò che la tolleranza per la pluralità delle idee è un bene e costituisce il principio su cui si regge la vita democratica.

Nella piccola comunità di Roccagorga inaugurò, a suo modo, l’era post-ideologica dando ed ottenendo rispetto per sé e di conseguenza per ciò che rappresentava, favorito in questo dal trascorrere del tempo e dal placarsi delle passioni ideologiche che permisero un giudizio più sereno su uomini ed avvenimenti storici.

Morì a Roccagorga il 22.05.1985.

Don Erasmo Bevilacqua

Don Erasmo Bevilacqua è nato a Roccagorga il 19.06.1915 da Giuseppe e Maria Luzzi. Fin dai primi anni mostrò un carattere aperto ed una brillante intelligenza. Entrato nel seminario di Sezze, passò a Veroli ed infine ad Anagni, il famoso collegio Leoniano. Distintosi come uno degli studenti più brillanti, era sempre il primo del suo corso di studi e superò tutti gli esami con eccellenti giudizi.

Fu organista e direttore della schola cantorum del seminario. Ordinato sacerdote il 16.7.1939, iniziò nel suo paese natale il ministero sacerdotale dove si distinse subito per il grande amore per i giovani, soprattutto se poveri e deboli, tanto che venne soprannominato “il nuovo Don Bosco”. Per attirare i giovani, formò una filodrammatica , una corale polifonica ed una squadra di calcio, portando i suoi ragazzi in “trasferta” a bordo di carretti trainati da muli.

Vinto il concorso, divenne parroco di San Giovanni Evangelista in Priverno nel 1942, in piena guerra mondiale. Anche qui avvicinò molti giovani, fondando una schola cantorum che ancora esiste, ospitò nei locali della parrocchia corsi di formazione per avviare i giovani al lavoro. Molto attento alla crescita spirituale dei suoi ragazzi, in molti furono avviati al seminario diocesano e diversi vi rimasero fino all’ordinazione sacerdotale (don Giuseppe De Nardis e don Luigi Libertini).

Insegnò religione alle scuole medie  e al Liceo Scientifico di Priverno, non disdegnando interesse per la matematica, il latino e la letteratura. Ebbe numerosi e prestigiosi incarichi diocesani; amministratore di tutti i beni delle confraternite tra la fine degli anni quaranta e gli anni cinquanta, si adoperò per elevare il tenore di vita dei coloni che spesso vivevano in condizione di miseria.

Delegato vescovile per l’Azione Cattolica, ne fu instancabile organizzatore ed entusiasta promotore. Ha composto testi di musica sacra e acquistò l’organo che tutt’ora è in funzione in chiesa. Cantò il canto gregoriano in occasione del film Marco Polo, del regista Montalto, girato per lo più a Fossanova. Verso la fine della sua vita terrena, acquistò un terreno adiacente al chiesa e vi fece costruire nuovi locali per arricchire le già tante attività parrocchiali. Dopo la sua morte che avvenne il 18.11.1983, molta gente testimoniò il grande e immenso affetto che lo legava a lui. Ha lasciato una grande eredità, non fatta di beni materiali, ma di grande e profonda lezione di vita cristiana.

Marco Biagi

Giuslavorista Italiano – Vittima della Nuove Brigate Rosse 1950-2002

Borgo Madonna

Via che prende il nome dall’omonimo quartiere.

Borgo S. Antonio

Via che prende il nome dall’omonimo quartiere.

Giulio Briganti

Giulio Briganti è nato a Roccagorga il 4.8.1875.

Alla fine del 1944 fece parte, insieme a Ricci Don Filomeno (arciprete), Adriano Mucci (proprietario), Palombi Domenico (pastore) e Caporilli Bramante (meccanico), dell’ECA (Ente Comunale per l’Assistenza).

Di origine contadina, Giulio Briganti era l’espressione più rappresentativa del socialismo a Roccagorga. Uomo semplice e bonario, rispettato dalla popolazione per la grande disponibilità, era solito vestire in modo antico e calzava le classiche ciocie.

Il 6 Aprile 1946 si tennero le prime elezioni comunali del dopoguerra. Si confrontarono due liste, una di ispirazione socialcomunista, l’altra di centrodestra.

Il risultato premiò la coalizione di sinistra. “Zì Giulio”, così lo chiamavano, divideva la sua esistenza tra il comune e la campagna. Spesso veniva raggiunto dai cittadini nel suo appezzamento di terreno, dove era impegnato nel lavoro per la firma di qualche certificato.

Dietro lo sguardo sereno di un uomo semplice, in compagnia della sua pipa, Giulio era un uomo colto e attento a tutti i segnali di cambiamento che provenivano dalla fine della guerra.

Nel suo breve periodo di governo, vennero eseguiti i tratti principali della fognatura del centro urbano.

L’intera popolazione rimase colpita dalla notizia della sua prematura scomparsa che avvenne il 12.06.1947

Giordano Bruno

Filosofo Italiano bruciato come eretico dalla chiesa 1548-1600

C

Piero Calamandrei

Politico Italiano 1889-1956

Alessio Cammarone

Alessio Cammarone è nato a Roccagorga il 8.11.1919 ed ivi è deceduto il 31.10.1997.

Ha frequentato il Collegio Arcivescovile “La Quercia” di Viterbo fino al IV° Ginnasio.

Chiamato alle armi il 2.2.1940 ed inviato in primis a Tobruk – parte orientale della Libia – assegnato alla Compagnia Artieri e successivamente al Genio Pionieri della Divisione Fanteria “Granatieri di Sardegna”, fu fatto prigioniero in combattimento il 10.12.1940 ad Al Barrani – località dell’Egitto nord-occidentale- .

Il 3.1.1946 fu liberato e fece rientro a Roccagorga, dove si impegnò da lì a poco tempo nella politica, ricoprendo il ruolo di segretario politico della Democrazia Cristiana.

Successivamente alle elezioni amministrative del 5.2.1950 fu eletto sindaco e guidò per tre anni una Giunta di ispirazione democristiana che si distinse nella sua attività per l’approvazione dell’edificio scolastico in via D. Menta e del parziale rinnovo della toponomastica del paese: Via A. Gramsci diventò Via Monte, Via G. Matteotti diventò Via R. Rossi, Via XXV Luglio diventò Via XX Settembre, Corso della Repubblica diventò B.go S. Antonio e Piazza VI Gennaio 1913 diventò Piazza Italia.

Nel frattempo Sansoni Edoardo, proprietario dell’intero Palazzo baronale nonché del “Granalone” e dei magazzini ora di proprietà del Comune, propose all’amministrazione la vendita complessiva per la somma di £. 4.150.000.

Vennero venduti a privati gran parte dei terreni della “Difesa” raccogliendo la somma di £. 6.136.000.

Alessio Cammarone svolse il suo compito di amministratore con irreprensibile serietà e onestà.

Fu sempre vicino alle necessità della gente quando a lui si rivolgevano nei momenti di bisogno o sofferenza.

Venne insignito del titolo di “Cavaliere della Repubblica” il 31.12.1952.

Elvira Ciotti

Elvira Ciotti è nata a Roccagorga il 29.10.1903, da Emilio e Mancini Cesira ed è morta a Latina il 05.04.1995. Ha avuto due figli, Belli Ida e Belli Gaetano.

Diplomata in qualità di Ostetrica presso la “Regia Università degli Studi di Roma” il 16 Giugno 1922, presta il suo primo servizio nei paesi di Castelliri e Monte San Giovanni Campano per poi trasferirsi definitivamente ad esercitare la professione di Ostetrica Condotta a Roccagorga  fino al 1969, data della sua pensione.

A lei si devono per circa cinquanta anni le nascite nel nostro paese, frutto di amore e professionalità.

La sua opera, sempre attenta e affettuosa dedicata a tutte le donne del paese, ha rappresentato un elemento di unione seppur ideale tra i cittadini di Roccagorga che hanno avuto in comune le mani esperte e caritatevoli di un’unica donna che ha assicurato a gran parte dei nascituri il primo vagito.

Elvira non ha esercitato soltanto a Roccagorga, ma anche nei paesi limitrofi, soprattutto a Maenza e a Carpineto Romano.

Allertata dai familiari, immediatamente con mezzi di fortuna e spesso seduta sul masto di un asino o a piedi, faceva chilometri e chilometri per alleviare le doglie del parto.

Tutto questo ha ancora più valore se si considera che la sua opera era pressoché gratuita, tranne qualche dono in natura che la gente le offriva per il servizio.

Sempre in sintonia con le amministrazioni comunali che si sono succedute, ha assicurato in maniera inequivocabile e sicura le informazioni necessarie per le relative registrazioni anagrafiche.

Per la sua opera, l’Amministrazione ne ha sempre riconosciuto l’importanza e oggi la ricorda con questo riconoscimento.

Enrico Ciotti

Enrico Ciotti, di Emilio Ciotti e Cesira Mancini, è nato a Roccagorga   il 10.11.1916 e, purtroppo, ci ha lasciati il 01.05.2003 nella sua casa di Latina, dove si era trasferito con la moglie Giulia Olimpio, anche lei maestra e i figli Michele e Maria Rosaria.

Valente maestro, consegue il diploma magistrale a Pontecorvo e vinto brillantemente il Concorsio Magistrale nel 1948, si dedica con passione alla sua missione di insegnante, a quella professione che ha tanto amato e che gli ha procurato nel corso degli anni soddisfazioni e riconoscimenti, anche postumi, come la targa di Ringraziamento ai Maestri dei Monti Lepini, Ausoni e Aurunci dell’Agro Pontino, consegnata ai suoi familiari il 20.12.2006 dall’Amministrazione Provinciale di Latina in occasione della Giornata dei Maestri organizzata con l’Associazione Culturale “Il Quadrato”.

Noto come “Zi Richetto”, così infatti era affettuosamente chiamato dai suoi compaesani, ha avuto sempre una parte attiva nella vita del suo amato paese, come mostrano i punti salienti di seguito riportati:

-          Consigliere Comunale (più volte nell’arco degli anni ’50 – Capogruppo Consiliare dal 1956)

-          Corrispondente del Quotidiano Il Tempo (dal 1951 al 1959)

-          Socio fondatore e Presidente della “Olearia Palma” srl costituitasi a Roccagorga nel 1959

-          Insignito dell’Attestato dei Benemeriti per la propaganda dal Comitato Centrale della Croce Rossa Italiana.

Molti sono i suoi ex alunni che ancora oggi, a distanza di tempo, quando incontrano i suoi familiari in paese, amano ricordare la sua figura e raccontare qualche aneddoto legato a lui e alla sua grande poliedricità che lo vedeva operare oltre l’ambito prettamente scolastico-educativo.

La sua grande sete di sapere lo portava ad interessarsi e cimentarsi nei più svariati campi, dall’agricoltura alla meccanica, dall’idraulica alla medicina. A ricordo della sua memoria il Notaio Vittorio Nardacci in occasione della manifestazione tenutasi in piazza il 3 luglio 2005 disse: “Questo grande insegnante ha lasciato a tutti coloro che l’hanno conosciuto la sua impronta di bontà e semplicità; ha percorso la strada della vita raggiungendo traguardi che si era prefissi. Non ha mai dimenticato la sua terra ed ha sempre contribuito alla riuscita delle sue manifestazioni, con quell’entusiasmo che lo ha sempre contraddistinto; basterebbe ricordare i suoi travolgenti interventi oratori, semplici ed incisivi, in cui manifestava la sua grandezza ed il suo affetto sincero.

Ha sempre dato prova di saggezza, equilibrio ed umiltà e per queste sue grandi doti egli vivrà sempre nei nostri cuori”.

Giacinto Ciotti

Giacinto Ciotti è nato a Roccagorga il 4.1.1926 da Biagio e Centra Rosa ed è morto dopo una lunga malattia il 1.9.1992.

Giacinto, persona  onesta e generosa, espressione della classe operaia, dapprima come contadino e poi come operaio edile, si impegna nella lotta sindacale sin dalla giovane età. Agli inizi degli anni cinquanta organizza la Camera del Lavoro e promuove numerose e significative manifestazioni a sostegno dei diritti dei lavoratori.

Affianca con tenacia le lotte per la conquista di un salario migliore per le decine e decine di operai che ogni giorno si recano a Roma per lavorare, diventando un punto di riferimento essenziale del fenomeno del pendolarismo di quegli anni.

Nel 1960 viene eletto consigliere comunale, ricoprendo vari ruoli nell’amministrazione comunale, della quale diventa un elemento fondamentale. Prima ricopre la carica di assessore e poi nel 1973 diventa sindaco, fino al 1975.

Durante questi anni Giacinto non smette mai di collaborare con il sindacato anzi mette a disposizione delle nuove generazioni la sua lunga esperienza, dispensando sempre consigli e suggerimenti preziosi.

Nell’arco del suo mandato, vengono realizzate numerose opere, tra le quali il potenziamento della viabilità rurale, lo studio affidato alla Società Tecnogas di Milano per la metanizzazione del paese, l’affidamento dell’incarico all’arch. Del Duca per la definizione del Piano Regolatore Generale e l’adesione al Consorzio Trasporti del Lazio (A.Co.Tra.L.).

Di notevole importanza, continuò la battaglia dell’Amministrazione comunale già guidata da Tretola, contro il Consorzio degli Aurunci di Cassino, per la gestione dell’acquedotto e la fornitura dell’acqua potabile.

Molti cittadini, ricordano ancora Giacinto come una persona perbene e disponibile verso tutti. La sera, quando scendeva dall’autobus, stanco della giornata di lavoro, invece di andare a casa e riabbracciare la sua famiglia, andava alla Camera del Lavoro per organizzare le iniziative e sostenere gli operai nella lotta per una vita migliore.

Colle

Antica via urbana che risale al 1600

Cristoforo Colombo

Navigatore Italiano 1451-1506

La Cona Via che prende il nome dall'omonima zona

Cesare Cotesta

Cesare Cotesta è nato a Roccagorga il 20.10.1906 da Cataldo e Persi Venusta.

Cesare, di famiglia contadina è cresciuto perseguendo sempre gli ideali di onestà e di giustizia. Sin da giovane è maturato in lui uno spirito di bonaria convivenza, facilitata da una famiglia radicata nel territorio della zona dei Prati.

Proprio dei Prati diventa un punto di riferimento forte e indispensabile e nelle elezioni amministrative del 1950 viene eletto consigliere comunale, unico rappresentate del P.C.I.

Cesare viene riconfermato consigliere comunale per le successive legislature, fino al 1975, ricoprendo molti ruoli nell’ambito delle amministrazioni che si sono succedute. E’ stato assessore nelle giunte di Tretola e Ettorre e ha interpretato un ruolo fondamentale nello sforzo di unire la comunità di Roccagorga centro con la zona dei Prati. Portava in giunta le istanze dei cittadini della sua zona e “strappava” l’interesse dei suoi colleghi amministratori affinché i Prati avessero quei servizi che allora mancavano.

Sempre presente ai consigli comunali, nonostante la distanza che separava i Prati da Roccagorga che raggiungeva spesso a piedi e sempre a piedi anche verso sera tornava a casa, felice di aver fatto qualcosa per la sua gente.

Prima della scadenza dell’Amministrazione del sindaco Tretola e Ciotti, il consiglio comunale, unanimemente in seduta straordinaria gli ha conferito la medaglia d’oro per i suoi venticinque anni di consigliere.

Cesare è rimasto nei cuori di tanta gente che ancora oggi lo ricorda con affetto e stima.

E’ morto a Roccagorga il 12.10.1990.

Giuseppina Cotesta

Nata a Roccagorga il 19.03.1924 ed ivi deceduta il 23.05.2006. Cotesta Giuseppa si diploma presso l’Istituto Magistrale “Margherita di Savoia” di Roma nel 1942. Inizia ad insegnare a Roccagorga il 1° Agosto 1944 nel corso estivo svoltosi dopo la fine della guerra.

Non essendoci nel paese un edificio scolastico, le lezioni si tenevano in ambienti di fortuna, messi a disposizione da privati, privi di ogni arredo scolastico e in situazioni difficili con classi composte da oltre quaranta alunni, quindi con gravi difficoltà e problemi da affrontare che solo la profonda passione per l’insegnamento le diede la forza per superare momenti critici.

Insegnò fino all’anno scolastico 1987/88.

Dal 1° settembre 1998, dopo quarantatre anni di servizio e sempre con la qualifica di Ottimo fu posta in pensione.

Ha svolto per molti anni la mansione di segretaria del Patronato Scolastico e fino alla cessazione del servizio è stata l’insegnante fiduciaria della scuola.

L’Amministrazione Comunale l’11.06.1988 le ha conferito una attestazione di stima e riconoscenza per il solerte e diligente lavoro svolto.

Con Decreto del Presidente della Repubblica in data 27.09.1988 le è stata conferita l’onorificenza diCavaliere della Repubblica.

Successivamente su proposta del Ministro della Pubblica Istruzione, con Decreto del 2.6.1989, le è stato conferito il Diploma di benemerenza di prima classe con facoltà di fregiarsi della Medaglia d’Oro per aver compiuto quaranta anni di buon servizio nelle pubbliche scuole elementari.

Così i suoi alunni hanno voluto ricordarla: “Alla maestra Pinella, esempio non superato di moralità, di alto senso civico, di attaccamento al dovere e alla passione per l’insegnamento. Grazie Maestra”

Loreta Cotesta

Loreta Cotesta è nata a Roccagorga il 26.06.1926 e morta il 19.09.2006.

Si è diplomata presso l’Istituto Magistrale “R. Margherita di Savoia” di Roma nell’anno scolastico 1944/45.

Iniziò ad insegnare a Roccagorga dal 26.10.1945 come vincitrice di concorso e si trasferì a Latina presso la scuola elementare “D. Alighieri” fino all’anno scolastico 1986/87, data del suo pensionamento.

La valutazione dei quarantadue anni di insegnamento è stata “Ottimo”, frutto di una straordinaria interpretazione del ruolo di insegnante e assume ancor più valore il fatto che ha diviso gli anni della professione tra un piccolo centro di montagna come Roccagorga e una città capoluogo come Latina, dove le differenze culturali, didattiche e anche logistiche erano assai diverse.

Noi la ricordiamo per il lavoro svolto a Roccagorga, dove all’inizio non esisteva un vero e proprio edificio scolastico e le lezioni si svolgevano in ambienti spesso fatiscenti e senza alcuna comodità.

Le classi erano formate pressoché da circa quaranta alunni, ma Loreta Cotesta non si è mai persa d’animo e superava brillantemente ogni tipo di difficoltà, tanto da meritarsi l’apprezzamento e la stima delle autorità superiori.

Alessandro Cusani

Storico Farmacista di Roccagorga

D

Salvatore d’Agata

Salvatore D’Agata (Turi per gli amici e in famiglia) è nato a Villagrande, in provincia di Catania il 28.03.1920, ultimo di quattro fratelli.

Da giovane era un grande appassionato di sci che praticava su piste inesistenti sull’Etna, sulle cui pendici si trova Villagrande.

Diplomato all’Istituto Magistrale di Acireale, ha iniziato a lavorare come impiegato presso il comune del suo paese, dimostrando già da allora un grande senso di attaccamento al lavoro e di professionalità.

Il primo incarico provvisorio come segretario comunale lo ha svolto nel 1954 a Licodia Eubea, sempre in provincia di Catania, per poi vincere nel 1957 il concorso per Segretario comunale e trasferirsi come sede del suo lavoro a Roccagorga.

A Roccagorga è rimasto a svolgere il suo servizio fino al 1985, tranne un breve periodo di qualche mese nel comune di Ponza.

Sposato con l’insegnante Rosa Messina, ha avuto due figli Cetty e Antonio.

D’Agata è stato un funzionario prezioso per le amministrazioni che si sono succedute in tutti questi anni. Il suo spiccatissimo senso dello stato, unito alla grande professionalità hanno costituito un punto fondamentale per l’ente e per tutta la categoria dei segretari comunali provinciali.

Amato e rispettato dagli amministratori e dai dipendenti comunali, nonché dall’intera cittadinanza, ha interpretato il suo mandato con diligenza e serietà, mettendo a disposizione della comunità le sue conoscenze e i suoi rapporti istituzionali.

Grande commozione provò il popolo di Roccagorga per la sua prematura scomparsa nel 1987 e la cittadinanza le tributò una grande partecipazione, nonostante il fatto che non era cittadino rocchegiano.

Massimo d’Antona

Giurista Italiano - Vittima delle Nuove Brigate Rosse 1948 - 1999

Gen. Carlo Alberto dalla Chiesa

Generale Arma dei Carabinieri – Vittima della Mafia 1920 - 1982

Virgilio Di Fazio

Virgilio Di Fazio è nato a Roccagorga il

Non poteva essere chiamato sotto le armi perché ancora non aveva l’età. Voleva fare qualcosa per l’Italia in guerra. Decise allora di arruolarsi come volontario e partì. Dal fronte interno fu destinato ad un posto di avvistamento della sesta Legione Artiglieria Contraerea a Bobbio (Piacenza). In poco tempo si attirò le simpatie di tutti. Lo chiamavano il soldatino santo perché di notte si svegliava e pregava. Morì in concetto di santità il 5 giugno 1942 a Bobbio. Il suo funerale si trasformò in un trionfo di popolo perché tutti conoscevano il giovane soldatino.

Il 5 giugno 2001, nel 59° anniversario della sua morte, vengono traslate dal cimitero di Bobbio alla chiesa di Roccagorga le sue spoglie collocate ai piedi della cappella di S. Erasmo.

Mario Dori

Cittadino di Roccagorga caduto durante la Prima Guerra Mondiale

E

dell’Emigrante

Via in località Prati dedicata ad una delle figure più numerose del passato di Roccagorga. Tra le ultime decadi del 1800 e fino alla fine degli anni 60 sono stati migliaia i cittadini del piccolo centro Lepino che hanno lasciato il suolo natio per cercare fortuna all'Estero (Usa, Canada e Australia su tutti) e portare con se tradizioni e cultura locali ancora oggi vive in molte parti del globo.

Eremo S.Erasmo

Via extraurbana che congiunge l'Eremo di Sant'Erasmo con il centro abitato di Roccagorga

Eleonoro Ettorre

Eleonoro Ettorre è nato a Roccagorga il 10.01.1920 da Arduino Ettorre e Vona Rosa Tommasina.

Iscritto al Distretto Militare di Littoria con matricola n. 1047, soldato di leva dal 22.02.1939, partì per la Libia il 10.02.1940. Ha partecipato alla campagna di guerra dal 1940 fino al 1942 e rientrato dall’Africa il 26.10.1942 passa in forza al 61° Reggimento Fanteria di Trento dove consegue il diploma marconista.

Trasferito successivamente al Reggimento Bersaglieri di Verona, il 9.9.1943 viene catturato e fatto prigioniero dalle truppe tedesche. Deportato in Germania, visse in un campo di concentramento tedesco per due anni, per poi essere trasferito in un altro campo a Budapest. Di giorno veniva mandato a lavorare presso un orologiaio e la sera faceva ritorno nelle baracche dei deportati.

Il suo datore di lavoro gli insegnò il mestiere dell’orologiaio e gli trasmise la passione per la musica. Liberato dai soldati dell’esercito russo, a seguito della loro avanzata verso la Germania, torna in Italia e viene collocato in congedo illimitato il 15.11.1945, dopo sette anni di guerra.

Sposato con Clarice Gigli, ha avuto tre figlie. Ha continuato a svolgere il lavoro di orologiaio non trascurando mai la sua grande passione per la musica. Ha eseguito con il filicorno baritono le più celebri opere di Verdi, Puccini, Mascagni ecc., sotto la direzione del maestro Rosario Lacerenza. Numerosi sono i raduni bandistici ai quali ha partecipato non solo in Italia ma anche all’estero. Lo stesso maestro Lacerenza, al momento della dipartita, ha composto alla memoria un requiem “A Eleonoro” che tutt’ora viene eseguito durante le cerimonie funebri.

Nel 1956 viene eletto consigliere comunale nella lista del P.C.I. guidata da Manfredo Tretola e si riconferma anche nelle elezioni del 1960, ricoprendo in entrambi le amministrazioni la carica di assessore. Nel 1952, a seguito delle dimissioni di Alceo Morelli, diventa sindaco e ottiene la riconferma nelle elezioni del 22.11.1964, guidando l’amministrazione comunale fino al 1970.

Durante questo periodo amministrativo, vengono fatti i lavori di pavimentazione di via M. Dori e Pio Nardacci e viene ricollocata la lapide all’interno della Rifolta che ricorda l’Eccidio del 1913. Viene migliorata la viabilità urbana e extraurbana e portati a termine numerosi lavori di fognatura e elettrificazione. Con Eleonoro inizia il cammino per l’adduzione dell’acqua potabile nelle case del paese, tanto da meritare gli elogi pubblici dal presidente della Cassa del Mezzogiorno prof. Pescatore. Nel 1963 viene dato in gestione al Consorzio degli Aurunci l’acquedotto comunale. Anche l’edilizia scolastica ha un notevole sviluppo, infatti venne richiesto un finanziamento per la costruzione della scuola media. Verso la fine della legislatura viene approvato il progetto per la realizzazione della biblioteca e la formazione di uno strumento urbanistico capace di regolare l’attività di fabbricazione nel nostro paese.

Eleonoro è stato un punto di riferimento della comunità rocchegiana, rispettato dai suoi compagni ma anche dagli avversari politici per la sua onestà intellettuale. Il suo ricordo è ancora vivo tra la popolazione che lo manifesta parlando di lui con affetto immutato e stima.

E’ morto a Roccagorga il 19.10.1987.

F

Don Ferdinando Ferrarese

Ferdinando Ferrarese, è nato a Roccagorga il 23.09.1929 da Giuseppe e Agnocco Filomena.

La famiglia, umile e di origine contadina, è stata la scintilla della devozione di Ferdinando che già dall’infanzia dimostrava questa inclinazione.

Frequenta le scuole elementari a Roccagorga fino alla quinta elementare e successivamente, grazie all’influenza di don Erasmo Bevilacqua, che lo accoglie a se con affetto e simpatia, notando le sue virtù, si trasferisce a Bologna nel seminario della Madonna delle Sette Spade, dove completa gli studi e diventa sacerdote.

Apprezzato dai suoi superiori per le spiccate qualità umane, presta servizio a Butrio dove si integra perfettamente con la comunità e ne diventa un punto di riferimento importante.

Dopo qualche anno, si trasferisce nelle nostre zone e riabbraccia la sua famiglia che tanto lo aveva atteso nel percorso iniziale della sua missione.

Diventa cappellano dell’ICOT di Latina per qualche tempo e successivamente si occupa delle persone emarginate e bisognose, offrendo la sua infinita umanità e generosità.

Prima a Sezze, nella zona di Crocemoschitto e poi a Giulianello, dove ricopre la carica di parroco della frazione di Cori, Ferdinando esprime tutta il suo amore e la sua passione per la fede.

Anche in queste esperienze raccoglie affetto e stima, ma soprattutto rafforza la sua fede, fatta di semplicità e onestà interiore che lo fanno vivere  con serenità fino alla fine della sua vita terrena.

E’ morto a Latina il 22 maggio 2005 e riposa al cimitero di Roccagorga.

Lino Ferrarese

Lino Ferrarese è nato a Roccagorga il 21 settembre 1936 ed è morto il 4 Aprile 1998.

Come politico e soprattutto come uomo è stato un importante punto di riferimento per la nostra comunità.

Eletto consigliere comunale nella lista della Democrazia Cristiana negli anni 60 ha ricoperto tale carica dal 5 luglio 1980 al 7 giugno 1990. Perennemente all’opposizione, poiché Roccagorga a quei tempi era una roccaforte rossa, si è fatto portavoce di volta in volta delle istanze di quanti, non ottenendo risposte dalla maggioranza, cercavano soluzioni a richieste ritenute legittime.

Convinto assertore delle proprie idee, era comunque incline al dialogo costruttivo non disdegnando di mettersi in discussione e di ridisegnare le proprie strategie politiche in funzione di un bene comune.

Lino Ferrarese ha lottato e vinto contro un muro che a quei tempi sembrava invalicabile, facendo accettare al popolo rocchegiano la legittimazione di altri punti di vista oltre a quelli della maggioranza comunista.

Eletto consigliere provinciale nel 1980 nel collegio di Maenza Roccagorga e Prossedi, diventa nel 1985 assessore ai servizi Sociali della Provincia. Ricopre, inoltre, la carica di vicepresidente della ASL LT3. Da consigliere e assessore della Provincia ha promosso molti finanziamenti per Roccagorga, come il primo intervento per la strada dell’Eremo, per il rifacimento della facciata della Chiesa ed ancora per la messa in sicurezza e sistemazione di molte strade del nostro territorio.

Insomma oggi è ancora riconosciuta da tutti, unanimemente, quella sua straordinaria capacità di essere stato in mezzo alla gente.

Della Fiera

Questa via si trova presso la Zona Artigianale ed è parallela a Viale dell'Artigianato. Come si evince dal nome, ospita ogni anno la Fiera dei Prati che si tiene il 18 Agosto.

Fornace

Fornoli

G

Gallo

Antica via urbana che risale al 1600

Giuseppe Garibaldi

Patriota e condottiero Italiano 1807 - 1882

Anastasio Gigli

Gigli Anastasio è nato a Roccagorga il 14 aprile 1930, rimasto orfano di madre all’età di 4 anni e di padre all’età di 12, fu barbaramente ucciso durante il secondo conflitto bellico all’età di 14 anni da colpi di baionetta inferti da soldati marocchini dell’esercito francese.

Tali atrocità furono legittimate dal generale francese Alphonse Juin che aveva rivolto ai suoiGoumiers nordafricani il 14 Maggio 1944 un proclama che ignobilmente recitava: “Alle spalle del nemico vi sono donne , case, c’è il vino tra i migliori del mondo, c’è dell’oro. Tutto ciò sarà vostro se vincerete….. per cinquanta ore sarete padroni assoluti di ciò che troverete al di là del nemico. Nessuno vi punirà per ciò che farete, nessuno vi chiederà conto di ciò che prenderete”. Ci furono stupri di donne di ogni età e di bambini, omici, furti e violenze; insomma un’orgia di terrore debitamente autorizzata.

Il giorno 10 Giugno 1944, in località “Farneta”, tra le quattro strade di Roccagorga e il bivio di Maenza fu trucidato Anastasio Gigli. A distanza di 65 anni il ricordo di quel tragico avvenimento è ancora vivo nella mente della sorella Annunziata di 95 anni – che così racconta con semplicità a volta anteponendo o posponendo alcuni fatti: “quel giorno siamo andati in campagna e tutto ad un tratto incominciò a piovere, allora io, i miei fratelli Anastasio e Modesto che conduceva un asino e mio marito Ruggero ci riparammo sotto un albero. Di li a poco passarono dei soldati marocchini che volevano requisire l’asino  di Modesto il quale fuggì e pretesero che Anastasio li accompagnasse in paese per prendere dell’acqua potabile. Giunti a Roccagorga, Anastasio incontrò verso le undici e trenta nostra sorella Clarice che si recava in chiesa la quale gli chiese come mai non si trovava in campagna e lui rispose che ci sarebbe tornato dopo aver preso l’acqua. A distanza di un’ora misteriosamente Anastasio era scomparso. Preoccupati, ci siamo messi alla ricerca ma senza esito finché una compaesana disse di aver visto un ragazzino ferito, trasportato da soldati di colore, avvolto in una coperta lasciando una scia di sangue sulla strada: era Anastasio, ma era morto e l’avevano portato all’ospedale di Priverno prime e all’obitorio del cimitero dopo. Mi sono recata al cimitero di Priverno, ma il custode mi ha cacciata dicendomi che mio fratello sarebbe stato sepolto in serata, senza la bara. Allora io e mio marito siamo andati a Priverno per acquistare una bara e così mio fratello è stato tumulato al cimitero di Priverno dove è rimasto per circa 10 anni, dopodichè i suoi poveri resti sono stati riportati al cimitero di Roccagorga, dove riposano mia madre e mio padre”.

Fratelli Ginnetti

Via intitolata ai fratelli Marzio e Giovanni Paolo. La famiglia Ginnetti fu signora di Roccagorga tra il 1624 ed il 1722 e vi si deve, tra le altre cose, la costruzioni della Chiesa Collegiata dei SS Leonardo ed Erasmo cominciata da Marzio nel 1699 ed ultimata da Giovanni Paolo nel 1703.

Antonio Gramsci

Filosofo e Politico Italiano 1891 - 1937

M

Martiri delle Foibe

Questa via è intitolata alle vittime dell'eccidio tra la popolazione Italiana della Venezia Giulia e della Dalmazia perpetrato dall'EPLJ Jugoslavo di Tito, per motivi etnico-politici, tra la fine della seconda guerra mondiale ed il periodo immediatamente successivo.

Giacomo Matteotti

Politico Italiano 1885- 1924

Giuseppe Mazzini

Patriota e filosofo Italiano 1805 – 1872

Domenico Menta

1887 – 1936 Cittadino di Roccagorga morto nel tentativo di prestare soccorso alle vittime dell’incidente aviatorio di Roccagorga del 10 novembre 1936

Don Giovanni Minzoni

Religioso Italiano 1885 - 1923

Molini

Alceo Morelli

Alceo Morelli è nato a Roccagorga il 2.11.1924 da Lorenzo e Rossi Vitalina, sposato con Miani Giulia, dalla quale ha avuto due figlie.

Ha frequentato la scuola per Geometri “V. Veneto” di Latina dove ha dimostrato sin da subito doti straordinarie di professionalità, in particolare nel disegno.

Appena diplomato inizia l’attività esercitando la professione a Roccagorga, Priverno, Sezze e Latina.

Nello stesso tempo, entra nel PCI e insieme a Tretola e Ettore ne diventa un capo storico.

Ricopre numerosi incarichi e nel 1961 viene proclamato sindaco. Ad Alceo, uomo libero e, come a lui piaceva definirsi, “anarchico”, si devono i primi passi verso l’ammodernamento del paese.

Opere primarie, come strade, fogne, ponti, ma soprattutto nuove abitazioni iniziavano a popolare il nostro territorio, soprattutto verso la campagna.

Il suo impegno, diviso sempre tra l’Amministrazione e il Partito, ha fatto si che Alceo è stato sempre rispettato e amato dalla gente, anche quando ha abbandonato la politica e si è dedicato all’arte.

Bellissimi dipinti di volti umani e scorci di paesaggi fiorivano tra le sue laboriose mani.

La ricerca delle parole in dialetto e la spiegazione del loro significato, sono oggi raccolte in un bellissimo, quanto prezioso vocabolario della lingua rocchegiana. Ha collaborato da esperto e storico per l’allestimento dell’Etnomuseo e con l’ufficio tecnico comunale e a lui si deve la realizzazione di preziosissime mappe che ancor oggi sono in uso negli uffici del comune. Notevole la sua passione per la musica e il folklore.

Infine, non rinnegando mai la sua storia, si avvicinò alla fede, e alla parola anarchico unì quella di“cattolico".

Morì il 13.12.2003 a Roccagorga.

Luigi Mosca

Luigi Mosca è nato a Assergi (AQ) il 12.05.1876 ed è morto a Roccagorga il 29.8.1960.

Persona mite e affettuosa, figura rassicurante e personaggio di altri tempi, Luigi Mosca era di  estrazione socialista.

Luigi, insieme ad altri uomini rozzi ed esaltanti che venivano dal buio del fascismo, come Giulio Briganti, Morelli Gnotta, Nino Pelleccia, Palombi  Domenico detto “Nerone”, Eleuterio Agnocco, Pericle Battisti, Alberto Ferrarese, Giovagnotto e Germano Bevilacqua detto “Pista Torce”, rappresentò il primo barlume, la prima avvisaglia di una presa di coscienza, di una legittimazione sociale e civile.

Chiedo la parola”. - Questa è la frase ricorrente tra i loro incontri, nelle riunioni di partito, nei momenti pubblici. Eppure Zì Luigi, così lo chiamavano, era semplicemente un capo cantoniere, ma dotato di una grande forza d’animo e apprezzato dalla gente.

Il 12.06.1947, assume la carica di sindaco a causa della scomparsa prematura di Giulio Briganti e a capo di una giunta per alcuni aspetti riconfermata, da vita ad una attività amministrativa finalizzata al miglioramento della viabilità urbana e extraurbana. Ma l’elemento più importante del suo mandato è rappresentato dalla istituzione della fiera di merci e bestiame dei Prati. Fece istituire premi per le migliori bestie portate alla fiera così da poter contribuire ad incentivare  la zootecnia e l’allevamento.

Amministratore serio e meticoloso era rispettato da tutta la popolazione.

Cleante Mucci

Cleante Mucci è nato a Roccagorga il 02.02.1899 da Cleto e Borelli Caterina.

Ultimo di dodici figli, ha dimostrato sin dall’infanzia una notevole intelligenza che lo portò a conseguire la Laurea in Giurisprudenza nell’Università di Camerino (MC). Ma nonostante il brillante risultato ottenuto, non esercitò mai tale professione, segnato forse dal fratello maggiore Adriano che spesso gli ripeteva: “tanto gli avvocati sono tutti degli imbroglioni”. Di famiglia benestante, Cleante convinse la sorella Raffaella a non fare la domanda per la pensione, dicendogli: “che la fai afare, tanto noi stiamo bene e tu non ne hai bisogno, c’è tanta gente invece che merita di averla” e così sua sorella non prese mai la pensione.

Ufficiale di artiglieria durante la seconda guerra mondiale, prestò servizio in Sardegna a Macomer e subito dopo il conflitto bellico ritornò al paese, dove la mattina del 28 Maggio 1944, il Comune di Roccagorga venne occupato dalle truppe alleate ed il Governatore Militare Americano..

Il 16 Giugno 1944 venne eletto il 1° Consiglio Comunale e a capo di una Giunta provvisoria venne eletto Sindaco il Dr. Mucci Cleante.

Cleante, nonostante avesse subito il condizionamento del fratello maggiore Dante, protagonista dei fatti dell’Eccidio del VI Gennaio 1913, non partecipò mai attivamente alla vita politica e ne tanto meno si avvicinò ai partiti. Lui era un monarchico e amava spesso ripetere a chi gli domandava a quale partito avesse votato, rispondeva sempre alla monarchia e quando questa non c’era più lui stesso scriveva sulla scheda Viva il Re.

Uno dei primi provvedimenti che emanò Cleante fu quello di disporre il rientro nel centro abitato dei cittadini sfollati nelle campagne per la guerra, poiché i soldati marocchini nella loro ritirata, oltre a razziare il bestiame, violentavano le donne e rientrare in paese costituiva senza alcun dubbio una maggiore sicurezza. Un altro provvedimento adottato, durante questa breve parentesi amministrativa, fu l’apertura della farmacia comunale, affidata al Dott. Tretola Carmine.

Il 16 Aprile 1945, si trasferì a Roma per motivi di lavoro e lasciò la carica di sindaco.

A Roma, prima fu nominato Commissario degli alloggi assegnati alle persone sfollate e poi Capo della Ripartizione Prima Personale – Ufficio Pensioni al Campidoglio. Lavorò distinguendosi per capacità e intelligenza, meritandosi apprezzamenti da parte dei superiori fino al 1965, data del suo pensionamento. Rimase a Roma fino alla sua morte che avvenne il 24.09.1978.

N

Ignazio Nardacci

Ignazio Nardacci, nato a Roccagorga il 19.09.1898 ed ivi deceduto il 13.12.1958.

Un soldato, un insegnante di rara bravura, un amante del diritto e un indomito combattente per la libertà.

Giovanissimo, con la qualifica di radiotelegrafista, serve la Patria nel conflitto italo-austriaco e nella campagna libica donando, con quattro anni e otto mesi di servizio militare, di cui diciotto mesi in zona di operazioni, parte della sua giovinezza alla Patria.

Al ritorno dal servizio militare consegue il diploma di abilitazione magistrale presso un Istituto di Tivoli ed inizia la sua attività di insegnante a Olevano Romano e successivamente a Sermoneta e Roccagorga.

Nel 1930, dopo un esame sostenuto presso il Tribunale di Velletri, consegue il titolo di patrocinatore legale, con le quali veniva abilitato a difendere le cause anche in Pretura, dando così prova di una grande preparazione anche in campo giuridico.

La sua profonda cultura, il suo coraggio e soprattutto la sua palese ostilità al regime dell’epoca non piacquero ai ras locali i quali, con decisione scellerata e vergognosa, ne determinarono il trasferimento d’ufficio in un paese della provincia di Viterbo, non facendosi scrupolo di far trasferire anche la moglie Ilma Reali. Iniziava così il calvario di un uomo che aveva la sola colpa di non inchinarsi ai prepotenti in camicia nera, i quali mal sopportavano la sua presenza.

Tornò ad insegnare nel suo paese nel 1944 dopo il passaggio delle truppe americane, ricoprendo la carica di fiduciario dal 1944 al 1958 e di Presidente del Patronato scolastico e in nome delle sue idee di libertà, ebbe il merito di costituire a Roccagorga il partito della Democrazia Cristiana.

Nel 1949 promuove una iniziativa, raccolta dal Commissario Prefettizio dell’epoca, diretta a rimboschire ed a rendere più belle le nostre montagne con i cantieri scuola. Per la sua profonda preparazione (era un autodidatta) svolse più volte, con equilibrio e saggezza, le funzioni di Giudice Conciliatore, dando prova della sua conoscenza del diritto.

Pio Nardacci

Cittadino di Roccagorga caduto durante la Prima Guerra Mondiale

Teresa Nardacci

Nardacci Teresa è nata a Roccagorga il 07.02.1941. Frequenta la scuola elementare con l’insegnante Cotesta Loreta la quale notando le spiccate doti di apprendimento, suggerisce ai genitori di farle proseguire gli studi.

I genitori, non potendo sostenere le spese scolastiche vengono aiutati dallo zio materno e da una nobildonna di cui ancora oggi non si conosce l’identità.

Inizialmente studia in collegio a Sezze, poi consegue il diploma magistrale con ottimi voti, nel collegio di Palestrina.

Dopo tanti anni di precariato entra come insegnante, nelle scuole di Roccagorga, Latina, Latina Scalo e Sezze.

Il suo metodo di insegnamento era apprezzato sia dai colleghi che dai genitori, ma soprattutto condiviso dagli alunni che nello studio trovavano interesse e viva curiosità.

Per la sua bontà e la sua dolcezza era amata e benvoluta da tutti e la notizia del suo male intristisce quanti la conoscevano ed apprezzavano le sue virtù.

Subisce con difficoltà e dolore le conseguenze di numerosi interventi chirurgici, ma trova la forza di ritornare a scuola, tra i suoi scolari ai quali era molto attaccata sia per lo spiccato senso del dovere che per l’affetto.

Con la stessa dedizione ha svolto all’interno della comunità religiosa il ruolo di catechista, frutto di una profonda fede. Anche questo ruolo lo ha svolto con passione e amore, senza risparmiarsi, vivendo la vita quotidiana in semplicità attraverso gli insegnamenti del Vangelo e la volontà di Dio.

Teresa non ha subito la malattia, ma c’è entrata dentro e vivendola serenamente. La sua vita terrena si è conclusa il 29.06.1996, lasciando nella famiglia la certezza di averla avuta con se il tempo necessario per vederla brillare di riflesso della luce di Dio.

P

La Pace

Strada che conduce fuori dal centro abitato di Roccagorga congiungendo la Località Prati con Ceriara di Sezze. Il nome è simbolico in quanto la strada è stata costruita a seguito di un episodio molto importante per la storia locale che è passato alla storia come lo "Sciopero a Rovescio". Siamo nel 1951 e i contadini e braccianti di Roccagorga da tempo chiedono che la strada, praticamente meno di una mulattiera che collega i Prati con le terre coltivate, venga costruita ex novo così da evitare i lunghi spostamenti giornalieri. Stanchi di aspettare le direttive delle Amministrazioni, i contadini decidono di mettersi al lavoro e di costruirsela da soli. Il loro gesto implicherà molte rappresaglie e arresti da parte delle forze dell'ordine ma alla fine lo "Sciopero alla Riversa" si concluderà con la costruzione della Via della Pace.

Benedetto Pampanelli

Il maestro Benedetto Pampanelli, è nato a Roccagorga il 29.02.1909 da Maria Terilli e Muzio Pampanelli.

Muzio, il padre di Benedetto, fu un ingegnoso e abile falegname, autore dei rilievi scultorei del portone principale del Palazzo del Comune.

Tra mille difficoltà, ma con grande determinazione e spirito di sacrificio, Benedetto Pampanelli, da tutti ricordato come “il maestro Betto”, frequenta le scuole di Sezze, dove spesso è costretto a raggiungerle a piedi.

Finito il corso di studio e raggiunto brillantemente il diploma, insegna prima presso le scuole elementari di Maenza e poi stabilmente a Roccagorga per 44 anni.

La figura dolce e affettuosa del maestro Betto, è forse oggi quella che gli scolari ricordano meglio, unita a tanti episodi quotidiani che non sbiadiranno mai.

Era dotato di grande sensibilità e la pacatezza del suo metodo d’insegnamento aiutava non poco gli alunni ad applicarsi nello studio.

Ancora oggi è ricordato per la fedeltà agli ideali di solidarietà, per il servizio reso alla scuola e per il bene fatto alle generazioni di alunni.

E’ morto a Roccagorga il 31.03.1996.

Alessandro Pertini

Politico Italiano, settimo Presidente della Repubblica 1896 - 1990

Anna Maria Pietrosanti

La dott.ssa Anna Maria Pietrosanti, secondogenita di quattro fratelli, è nata a Roccagorga il 21.09.1904 da Casseri Rosa e Emilio Pietrosanti.

Dopo aver frequentato le scuole elementari a Roccagorga, proseguì gli studi presso il Ginnasio di Sezze. Conseguì la licenza ginnasiale, si trasferì a Velletri iscrivendosi al locale Liceo Classico. Conseguì la maturità classica, si trasferì a Roma per seguire i corsi universitari della Facoltà di Chimica e Farmacia. Si laureò nel 1931 e nel 1932, in seguito alla vincita del relativo concorso pubblico, divenne titolare della Farmacia di Settefrati in provincia di Frosinone.

In questa sede rimase fino al 1966, superando gli anni tempestosi della guerra mondiale, in una località così prossima alla linea del fronte di Cassino, conquistandosi  l’affetto e la riconoscenza dei Settefratesi tutti che le vollero consegnare una medaglia d’oro in occasione della sua partenza.

Tornata a Roccagorga, da cui era partita studentessa tanti anni prima, assunse l’incarico di Direttrice della locale Farmacia Comunale, continuando a dimostrare, anche in questa sede, le sue grandi doti di generosità, solidarietà e professionalità, fino al 1974 quando raggiunse i 70 anni di età.

Lasciata la direzione della Farmacia, per i detti sopragiunti limiti di età, rimase a vivere a Roccagorga nella sua casa paterna di via C. Colombo, concludendo la sua intensa vita terrena a Roma il 14.10 1994, rimpianta dai nipoti e da tutti, i tanti che le volevano bene. Riposa ora nella Cappella di Famiglia nel cimitero comunale di Roccagorga.

Don Armando Pisoni

Armando Pisoni è nato a Roccasecca dei Volsci Diocesi di Terracina, Priverno e Sezze il 29.01.1920.

Ultimati gli studi di Filosofia e Teologia nel Pontificio Collegio Leonino di Anagni, fu ordinato sacerdote il 31.07.1946.

Subito dopo fu nominato, dal Vescovo Diocesano, Economo Spirituale nel suo paese natale fino al 1952, quando il Vescovo Sua Ecc. Mons. Emilio Pizzoni, lo trasferì come vice parroco presso l’insigne Collegiata dei Ss. Leonardo ed Erasmo in Roccagorga.

Nel contempo fu nominato canonico della Cattedrale di Santa Maria Assunta in Priverno.

Il 5 aprile 1970, l’Arcivescovo – Vescovo della diocesi, Sua Ecc. Mons. Arrigo Pintonello, lo promosse Arciprete Parroco di Roccagorga.

Carica che ricoprì fino al giorno della sua improvvisa morte avvenuta il 22.04.1982.

Fu un sacerdote semplice e modesto, osservò i suoi doveri sacerdotali con grande fede e con totale obbedienza ai suoi superiori.

Predilesse gli umili e gli ammalati e non fece mai mancare il suo appoggio a chi, amministrando la comunità nella quale era totalmente integrato, si dedicava a elevarla soprattutto nella dimensione socio-culturale.

Alternò la sua missione di apostolato con l’insegnamento della religione dei ragazzi della scuola media, concorrendo in modo significativo alla loro formazione.

Negli ultimi anni della sua vita profuse un grande impegno nella realizzazione del progetto di restauro della Chiesa e della casa parrocchiale.

R

Urbano Rattazzi

Politico Italiano 1808 - 1873

Repubblica (Corso)

Con tutta probabilità in ogni città, paese, borgo Italiano esiste una via, piazza, corso con questo nome. A Roccagorga il Corso della Repubblica sostituisce Viale Umberto dopo la fine della Monarchia, unica (seguendo il piano urbanistico) via di accesso al centro storico.

Don Filomeno Ricci

Nato a Roccagorga il 31.07.1886, compì gli studi nei Seminari di sezze, Veroli e nel Pontificio Collegio Leonino di Anagni.

Ordinato sacerdote il 31.07.1911, fu poco dopo chiamato dal vescovo dell’allora Diocesi di Terracina, Priverno e Sezze.

In seguito la predetta Eccellenza, sperimentatene le belle doti, lo volle Suo segretario.

Nel 1915 fu nominato Econo Parroco di S. Maria In Roccasecca dei Volsci e sei anni dopo il 19.03.1921 Arciprete Parroco della Collegiata dei SS. Leonardo ed Erasmo in Roccagorga.

Dopo aver scrupolosamente e lungamente esercitato tale incarico durante l’episcopato degli Ecc.mi Presuli Salvatore Baccarini, Pio Leonardo ed Emilio Pizzoni che gli professarono grande stima e incondizionata fiducia, rassegnò le dimissioni nelle mani di S. E. Mons. Pintonello: ciò avvenne il 31.12.1969.

In pari data fu annoverato tra i suoi Cappellani dal Santo Padre Paolo VI e il 26.07.1971 fra i canonici della Cattedrale di Priverno dall’Amministratore Apostolico delle Diocesi Pontine S. E. Mons. Luigi Maria Carli.

Si spense serenamente all’alba del 3 luglio 1978.

Nella sua lunghissima attività di Parroco Mons. Ricci, oltre che abilissimo amministratore, si mostrò magnanimo, generoso e zelante dispensatore della Divina Parola e dei Santi Sacramenti. Devotissimo della Madonna, ne promosse sempre il culto.

Dedicò le sue cure sacerdotali specialmente ai poveri, ai bambini e ai moribondi.

Durante il periodo lungo e tragico della guerra, fu l’angelo consolatore di tutti.

I suoi funerali si svolsero con la partecipazione del Vescovo Diocesano S. E. Mons. Enrico Romolo Compagnone, di molti sacerdoti e numerosissimi fedeli.

SP Roccheggiana

Numericamente, rappresenta la strada più lunga del paese. La Strada Provinciale Roccheggiana parte dal confine con il Comune di Priverno per arrivare alla delimitazione territoriale con il Comune di Sezze. La SP Roccheggiana copre diverse vie ancora in uso come Via Variante, Via Prati e ha sostituito altri vie come Via Campo Sportivo Vecchio.

Bartolomeo e Giovanbattista Rossi

Nella primavera del 1944 la situazione nelle nostre zone si aggravò maggiormente. I tedeschi, oltre ai soliti rastrellamenti di uomini, cominciarono a far razzie anche di bestiame. Nel mese di aprile, due tedeschi capitarono sul monte S. Angelo percorrendo viottoli diversi. Un soldato incontrò il pastore Alfiero Rossi e gli impose, sotto minaccia armata, di portargli una pecora fino alla strada principale. Durante il tragitto, Alfiero punzecchiato continuamente con la canna del mitra, ebbe un gesto di istintiva ribellione verso il tedesco che lo sollecitava a camminare più in fretta; ne nacque una colluttazione furibonda durante la quale il militare rimase ucciso.

L’altro soldato, visto il ritardo del compagno d’armi, lanciò subito l’allarme. La rappresaglia fu spietata. I tedeschi si presentarono alla capanna di Alfiero che si era dato alla latitanza e bruciarono vivi i due fratellini Bartolomeo e Giovambattista.

La madre degli sventurati fu rapata a zero e condotta in giro su una moto sidecar per essere umiliata.

L’episodio così crudele, destò grande rabbia e tristezza tra la comunità di Roccagorga che ne ebbe piena conoscenza soltanto qualche tempo dopo, quando il padre dei due fratellini si presentò in Comune a denunciare la loro morte.

L’Amministrazione comunale, il 16 aprile del 2009, alla presenza delle massime autorità provinciali, politiche, istituzionali e militari, ha voluto testimoniare il proprio cordoglio e quello della comunità rocchegiana con l’inaugurazione di un monumento ubicato luogo dove si è consumato l’atroce delitto.

Reginaldo Rossi

Reginaldo Rossi è nato a Roccagorga il 25 Gennaio del 1917 e ad egli è stata conferita la medaglia d'Argento alla Memoria sul campo dalle supreme autorità all'uopo delegate per non aver abbandonato il proprio pezzo anticarro ed essere andato, così, in contro alla sua morte.

S

Giuseppe Saltarelli

Il dott. Giuseppe Saltarelli è nato a SS. Cosme e Damiano il 20.02.1923 da Adelchi e Adelina Carlone.

Ha studiato a Formia e si è laureato a Napoli il 20.12.1950.

E’ stato medico condotto nel comune di Roccagorga dal 1952 al 1969, anno in cui è passato a dirigere il Servizio Sanitario nel comune capoluogo di Latina.

Ha sposato nel 1956 la farmacista Maria Corleone che è stata per otto anni direttrice della farmacia di Roccagorga. Dal loro matrimonio sono nati Adelina, medico pediatra, Adelchi, medico radiologo entrambi a Latina e Elio, pubblicista residente a Milano.

Il dott. Giuseppe Saltarelli si è distinto per la sua condotta medica e morale ed ha rappresentato un punto di riferimento importante per la comunità di Roccagorga.

E’ morto nella sua casa a Latina il 1 maggio 1993 a seguito di una lunga malattia.

S.Salvatore

Scoglio

Antica via urbana che risale al 1600

Sergio Severa

Sergio Severa fu Gustavo, primo di sei figli, è nato a Roccagorga il 12.01.1903, si è laureato il 17.11.1931 in giurisprudenza sotto S. M. Vittorio Emanuele III° Re d’Italia alla Regia Università degli Studi di Roma.

In seguito esercitò la professione di avvocato penalista e civilista nel Foro di Latina ed ebbe uno studio a Roccagorga e a Velletri.

Si avvicinò alla politica e ricoprì numerosi incarichi, fino a ricoprire la carica di sindaco dopo il trasferimento per motivi di lavoro di Cleante Mucci, dal 1945 al 1946 e successivamente diventò esponente politico  locale della Democrazia Cristiana.

Nell’arco di quest’anno vennero concessi ai contadini i terreni comunali e venne istituita la fiera di merci e bestiami in contrada Prati.

Sergio Severa era un uomo di assoluto rigore, frutto anche della sua formazione culturale e professionale, per questo diventò punto di riferimento della comunità soprattutto nei primi anni del dopoguerra.

Morì a Velletri il 21.09.1985.

Altiero Spinelli

Politico Italiano 1907 – 1986

Don Luigi Sturzo

Sacerdote e politico Italiano 1871- 1959

T

Torino

Torricella

Antonio Traglia

Padre del Cardinale Luigi Traglia

Manfredo Tretola

Manfredo Tretola nasce a Roma nel 1928. Vive gran parte della sua vita a Roccagorga, dove suo padre, è medico condotto. Muore a Latina nel 2000, dopo una lunga e incurabile malattia.

A Roccagorga, ancora adolescente, si avvicina al mondo dei lavoratori. Siamo negli anni duri delle lotte contadine svoltesi dopo la seconda guerra mondiale. Un lavoratore comunista (Germano Bevilacqua), a conoscenza forse dei suoi precoci orientamenti politici, un giorno gli regala Rinascita, il giornale teorico del Partito comunista italiano. Infatti, nel suo libro, Il figlio del calzolaio, Cesare Bove ricorda che Manfredo Tretola era “di sinistra” fin dai tempi del liceo. E in quel periodo non era facile esserlo e, soprattutto, non era facile esserlo a Latina.

La sua formazione politica avviene però soprattutto durante il periodo universitario, a Roma prima e poi a Siena. A Roma frequenta la sezione universitaria del Partito comunista italiano. Qui incontra tanti giovani come lui, alcuni dei quali sono diventati poi prestigiosi dirigenti del Partito. Tra loro Luciana Castellina, Lucio Magri, Giovanni Berlinguer.

I suoi interessi culturali oscillano tra arte, letteratura e medicina. In seguito alla morte del padre è costretto a intensificare i suoi studi. Si reca a Siena ove un ambiente più piccolo può favorire il suo impegno. Infatti, termina gli studi di medicina nel 1956. A quel punto gli si apre anche la via della carriera universitaria. Più forte però è il legame con Roccagorga e i suoi problemi. Pur da Roma o da Siena, infatti, non ha mai abbandonato i lavoratori di Roccagorga e il Partito comunista.

Nel 1956 viene eletto sindaco.

La sua attività amministrativa persegue un grande obiettivo: creare a Roccagorga le strutture indispensabili per una vita civile.

Nel corso degli anni sessanta diviene consigliere provinciale per cercare di portare avanti gli stessi obiettivi con più forza. Nel 1970 e fino al 1974 è ancora sindaco e completa molto del lavoro impostato negli anni precedenti: la rete fognaria, la rete stradale e, il più grande di tutti i problemi, l’acqua per tutti, in paese e in campagna.

Manfredo Tretola è stato nel frattempo un grande educatore. Da Siena ha portato a Roccagorga una ispirazione nuova: costruire luoghi nei quali i lavoratori potessero fare politica e nello stesso tempo trovare momenti di riposo e di svago. Con il contributo dei lavoratori di Roccagorga realizza questo sogno costruendo la Casa del Popolo. Qui, nella Casa del popolo, i più giovani hanno trovato le occasioni per formarsi la propria cultura politica.

Verso la metà degli anni settanta Manfredo Tretola lascia la politica attiva. Altri, più giovani, hanno cercato di continuare la sua opera.

Nel 1996, colpito dalla malattia, lascia l’attività di medico. Si rivolge con due manifesti alla popolazione. Riportiamo alcune frasi soltanto: “Cari concittadini, mi congedo dopo 40 anni con animo commosso e riconoscente per la lezione di vita impareggiabile ricevuta. Il primo impatto ebbi con uomini rozzi ed esaltanti che venivano dal buio del fascismo e che si avventuravano su strade nuove ed accidentate. Zi’ Luigi Mosca Briganti; Morelli Gnotta e Nino Pelleccia; Domenico Palombi detto Nerone e Lauterio Gnocco detto Lori; Pericle e Giovanotto; Z’Alberto Ferrarese e Germano Belilacqua”. Ricorda poi i tanti altri che lo hanno aiutato nel portare avanti il suo lavoro politico e di amministratore.

Ai giovani invece dedica parole di incoraggiamento e dedica una poesia di Nazin Hikmet: “Il più bello dei mari è quello che non navigammo/Il più bello dei nostri figli non è ancora cresciuto/I più belli dei nostri giorni non li abbiamo ancora vissuti/E quello che vorrei dirti di più bello non te l’ho ancora detto”.

V

Variante

Come si evince dal nome, con la costruzione di questa via fu possibile variare il percorso per raggiungere località Prati dai confini con Maenza e Priverno e viceversa, senza dover passare forzatamente all'interno del centro abitato.

Della Vecchia Ammazzatora

Piccolo vicolo dove un tempo sorgeva il mattatoio.

XX Settembre

20 settembre 1870. Le truppe del Regno di Sardegna entrano nello Stato Pontificio attraverso la breccia di Porta Pia, comandati da Raffaele Cadorna. Finisce lo Stato Pontificio ed il potere temporale dei Papi. Un anno dopo la capitale d’Italia viene trasferita da Firenze a Roma.

XXVIII Maggio

Strada che riporta la data del pellegrinaggio verso l'Eremo di S.Erasmo (che oggi viene effettuato ogni ultima domenica di maggio). Questa strada parte da Piazza VI Gennaio per salire fino al termine dei caseggiati e raggiungere il Piazzale dell'Arco dove diventa Via dell'Eremo di S.Erasmo.

Sabino Vona

Sabino Vona è nato a Roccagorga il 6 gennaio 1943 da Reginaldo e Reginalda Vona. Vi ha trascorso l'infanzia e la giovinezza frequentandovi le scuole elementari. Successivamente ha frequentato le scuole medie a Priverno e poi l'Istituto Magistrale "A. Manzoni" a Latina.

Si è laureato in lettere alla Sapienza nel 1967.

Sabino ha sposato Maria Alfreda Spaziani dalla quale ha avuto due figli, Gianluca e Francesca.

Specializzatosi in geografia, dopo un breve periodo di assistenza ha intrapreso una lunga e prestigiosa carriera di insegnante nelle scuole superiori di Latina dove è stato maestro anche di vita per generazioni di allievi ed esempio per numerosi colleghi. Ha insegnato all'Istituto Tecnico "Vittorio Veneto" di Latina per moltissimi anni fino a quando non è andato in pensione.

Sabino Vona è stato un grande educatore, un professore per tante ragazze e ragazzi della provincia di Latina. E’ stato un importante dirigente sindacale e politico, un valido e apprezzato pubblico amministratore. Ha fondato, con altri colleghi, all'interno della CGIL di Latina, il sindacato scuola, di cui è stato segretario in un momento di radicali trasformazioni; è stato un dirigente politico di alto profilo come segretario del Partito Comunista italiano nella provincia di Latina.

Dal 1975 al 1980 è stato Consigliere comunale a Roccagorga e poi Sindaco dal 1990 al 1995. Prima di essere eletto Sindaco di Roccagorga Sabino è stato Consigliere provinciale dal 1975 al 1980.

Sabino è stato segretario del PCI nella provincia di Latina nel 1976 in un periodo di acute lotte sociali e di terribili scontri, nell'epoca del terrorismo, del rapimento e dell'assassinio di Aldo Moro.

Tornato definitivamente ad insegnare è stato comunque chiamato a svolgere funzioni di dirigente regionale del PCI assumendo la responsabilità dei problemi del lavoro e conseguendo anche qui ampi apprezzamenti per la sua elaborazione ed il suo impegno.

E' rimasto fino all'ultimo un intellettuale di sinistra, un democratico profondo e ha sempre lavorato come gli si presentava l'occasione per far avanzare le idee dei lavoratori, della democrazia, della solidarietà tra persone e gruppi sociali.

Ha imparato a fare il giornalista ed il critico d'arte. Anzi, ha finito con l'insegnare come fare giornalismo serio, utile, oggettivo ed il critico d'arte raffinato e ricercato anche a chi questi lavori li faceva per scelta professionale.

Aveva stretto una forte amicizia e una grande collaborazione con un artista di grande valore, William Tode, di cui ha curato una straordinaria mostra al palazzo Caetani di Cisterna di Latina della cui “Fondazione” è stato direttore artistico.

Sabino aveva forte la passione intellettuale, il senso della comunità, la solidarietà, l'impegno a mettere il proprio sapere, la propria intelligenza, il proprio tempo a servizio degli altri, la ragione per tentare di costruire una società di persone libere, di uguali opportunità, di sostegno a singoli e a gruppi sociali in difficoltà.

Ha scritto tante cose. Oltre alla cura dei tre volumi di “Antologia di poeti pontini” , ha pubblicato i seguenti libri:

Girando nei Lepini, Itinerari d'arte e cultura, musei e paesaggi.

Gli Affreschi dimenticati, le pitture murali riscoperte nell'aula magna del V. Veneto, storia e storie dell'istituto.

Da Artena a Formia, itinerari d'arte e cultura, musei e paesaggi.

Lepinia, storie di ' mpuniti e butteri, santi e papi.

La Pantera verde, le indagini, i racconti e le mirabili inchieste di un investigatore infallibile nei labirinti della politica.

L'emigrante, con disegni di William Tode.

Strade regionali del Lazio, Viaggio attraverso la storia, l'arte e i monumenti dei comuni della rete regionale Astral.

Sabino Vona è deceduto a Terracina il 9 settembre 2008 dopo una lunga malattia, vissuta con intima sofferenza e invidiabile serenità intellettuale.

PIAZZALI

Aldo Moro

Politico Italiano – Vittima delle Brigate Rosse 1916 – 1978

St. Jean en Royans

Comune della Francia Meridionale della Drome nella regione del Rodano-Alpi, gemellato con il Comune di Roccagorga

PIAZZE

Dante Alighieri

Poeta e letterato Italiano 1265 – 1321

Eroi del Lavoro

Guglielmo Marconi

Fisico ed inventore Italiano 1874 – 1937

Martiri Fosse Ardeatine

Piazza dedicata alla memoria delle 355 vittime dell'eccidio compiuto a Roma dall'esercito tedesco ai danni di militari e civili Italiani il 24 marzo 1944

Risorgimento

Piazza dove sorge il Palazzo dei Doria Pamphilji, dedicato al periodo storico (1815-1871) che ha portato all'unità d'Italia.

VI Gennaio

Piazza centrale di Roccagorga così chiamata in ricordo delle vittime dell’eccidio compiutosi il 6 Gennaio del 1913

LARGHI

10 Novembre 1936

Luogo in cui il 10 Novembre 1936 avvenne il tristemente famoso incidente aereo

Narsete De Nardis

Cittadino di Roccagorga distintosi durante la Seconda Guerra Mondiale. Decorato con la medaglia d’argento al valor militare, è stato uno dei maestri elementari del paese. Si è spento il 10 Ottobre del 1984 dopo una lunga malattia.

Don Paolo Orsini

Don Paolo Orsini è nato a Roccagorga il 27.04.1941. Dopo aver frequentato le scuole elementari, spinto da una precoce vocazione, entra nel Seminario Minore in San Giovanni in Laterano e successivamente termina gli studi presso il Pontificio Seminario Maggiore.

Il 13 marzo 1966, riceve l’ordinazione sacerdotale dal cardinale Luigi Traglia nella basilica di San Giovanni in Laterano.

Il 19 marzo dello stesso anno, celebra la sua prima messa a Roccagorga, festeggiato da tutta la comunità parrocchiale.

Incardinato a Roma, inizia l’attività sacerdotale come vice-parroco presso la Parrocchia “Nostra Signora in Lourdes”.

Ben presto, però, sceglie la vita di povertà e come itinerante è responsabile, (prima in Sardegna e successivamente in Austria), del movimento Neucatecumenale e si rivolge agli adulti per aiutarli a riscoprire il senso della propria fede e del proprio Battesimo.

Insieme al fondatore delle Comunità Chico è ricevuto più volte da S.S. Giovanni Paolo II.

Colpito da un male incurabile, muore a Roma il 12.04.1987.

Donatori Sangue

Largo in onore dell'Associazione Volontari Italiani Sangue (AVIS).

Caduti di Nassiriya

Largo dedicato alle 50 vittime (di cui 25 Italiani tra civili e soldati) morti nell'attentato terroristico di Nassiriya (Iraq) avvenuto il 12 novembre del 2003

PONTI

Boccetta, Catarifo, Colle Rosso, Sbarra, Traverso, Don Cesare, Roccagorga, Pace, Priverno, fontanella

GIARDINI

Falcone e Borsellino

Giovanni Falcone 1939-1992 e Paolo Borsellino 1940 – 1992 magistrati Italiani vittime della Mafia

CONTRADE E LOCALITA’

Arco, Asprano, Boccamerola; Borelli; Boschetti; Calamico; Campo Sportivo; Cani; Canonico; Casacotta; Casaine; Casale Mozzo; Casalotti; Catarifo; Cava; Cavatella; Cercione; Cisterna; Cola Fratte; Colle Fico; Colle Intella; Colle Rosso; Colle Saraceno; Cona; Costa Richetti; Cotesta; Croce; Crocella; Fischie; Fontane dell'Arco; Fontanelle; Formaio; Forcella; Fossa la Paglia; Fosse; Fossitto; Freghino; Garappallo; Grotte; Lagno Pentola; Lago Macchione; Maiolla; Mole; Monticello Piccolo; Morello; Mozzo; Nardacci; Nardi; Pantano; Pentola; Pezza Piana; Pezza Stefana; Piagge; Pisciarello; Polena; Ponte Priverno; Portoni; Posaturo; Pozza; Pozzo Nuovo; Pratarine; Prati; Principe; Procacci; Quartarella; Recinto; Riserva; Ristrette; Rossi; S.Angelo; S.Erasmo; Saraceno; Selva; Selvotta; Stefanella; Strazzette; S.Giuseppe; S.Pietro; S.Onofrio; Torre di Masi; Ucini; Valle Caccia; Valle Nardi; Valle Pastena; Valle Romana; Valle di Pimpa; Via di Isi; Voglia; Vona

COMITATI DI QUARTIERE

Borgo Madonna, Borgo S. Antonio, Campo Sportivo Vecchio, Crocella, Via Antonoi Gramsci, Prati, San Pietro

Elenco AccessKey da Home Page: [1] Amministrazione[2] Uffici[3] Risorse[4] Cittadino[5] Download[6] Turismo[7] Multimedia[8] Contatti[9] Credits

Copyright © 2013 - 2017 - Comune di Roccagorga - C.F.: 80004390599 - P.IVA: 00087890596 - Tutti i diritti riservati.

Manutenzione e aggiornamenti a cura di VD Informatica.

Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL JoomlaFAP è una versione di Joomla con opportune modifiche che rendono questa installazione accessibile secondo quelle che sono le specifiche della Legge Stanca.

Accessibilità - Bussola della trasparenzaCreditsNote Legali - Privacy

Valid XHTML 1.0 Strict CSS Valido! Level Triple-A conformance, 
        W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0 Logo attestante il superamento, ai sensi della
Legge n. 4/2004, della verifica tecnica
   di accessibilità.